Haworthia, la cugina dell’aloe

Simile all’aloe, ma con un fascino e una bellezza tutta sua: l’hawothia (o hawortia) è una pianta che porta un po’ di Africa nelle nostre case.

Originaria di alcuni Paesi africani, infatti, l’hawothia è la cugina dell’aloe (appartengono entrambe alla stessa sottofamiglia), ma si distingue per la forma diversa delle foglie e per un aspetto più arrotondato.

Si tratta di una pianta grassa e, in quanto tale, abbastanza semplice da coltivare.

Non richiedendo molte cure, l’hawothia è adatta anche a chi non è molto esperto nella cura delle piante.

Caratteristiche

Indecisi sulla varietà da acquistare? Confusi su dove metterla? Vediamo insieme tutte le principali caratteristiche di questa pianta.

Varietà

Tutte le specie di haworthia sono di piccole dimensioni (massimo 20-30 cm), ma possono essere diverse nell’aspetto delle foglie.

Una delle specie più celebri è la Haworthia reinwardtii, con foglie dalle sfumature bianche, lenta nella crescita e molto bassa.

Famosa è anche la Haworthia angustifolia, con foglie di pochi centimetri e che sembra quasi una pianta in miniatura.

Celebre è anche la Haworthia cooperi truncata, che può espandersi in larghezza fino ai 40 cm.

Esposizione

Dove tenere questa meravigliosa pianta? L’ideale è coltivarla in vaso e tenerla all’aperto nei mesi primaverili ed estivi, in casa nei mesi freddi.

Questa pianta ama la luce solare, ragion per cui va messa su un davanzale molto luminoso o sul balcone in un luogo pieno di luce.

La temperatura ideale è intorno ai 20 °C, ma sopporta anche temperature ben più alte.

In inverno, invece, fate attenzione a non tenerla mai in un luogo dove la temperatura scende sotto i 5 °C.

Fioritura

Il tipo di fiore e, soprattutto, il periodo di fioritura variano da specie a specie.

Generalmente questa pianta produce delle infiorescenze in estate inoltrata.

Di norma, se la tenete in casa non fiorisce.

A volte, soprattutto se la pianta è ancora piccola, l’ideale è rimuovere il fiore per non far stancare troppo la pianta.

Coltivazione e cura

Vediamo adesso come innaffiare la pianta e, in generale, come prendercene cura in modo corretto.

Terreno

L’haworthia non ha particolari esigenze per quanto riguarda la composizione del terreno.

Il terriccio comunemente utilizzato per le piante grasse va benissimo, purché sia ben drenato e ricco di sostanze nutritive.

Mettete dei pezzi di coccio sul fondo del vaso per favorire il drenaggio.

Quando innaffiare

Come tutte le piante grasse, anche l’haworthia non ha bisogno di molta acqua. Per capire quando è il momento di innaffiare, controllate lo stato del terriccio.

Solo quando questo appare asciutto, quasi secco, è il momento di innaffiare.

Nei mesi freddi, sospendete quasi del tutto le innaffiature.

Concimi

Per quanto riguarda i concimi, l’ideale è utilizzare un concime o fertilizzante liquido a base di azoto da somministrare con l’acqua di innaffiatura.

L’ideale è concimare nei mesi primaverili, rafforzando in questo modo la pianta in vista del caldo dell’estate.

Con la concimazione, l’haworthia tende a crescere con più velocità e a mantenersi in salute più a lungo.

Potatura

Questa pianta non va potata.

Vanno solo eliminate quelle foglie e quelle infiorescenze che, col tempo, tendono a seccare.

Rimuovetele con cura, così da evitare che possano marcire e infettare la pianta, magari aiutandovi con delle cesoie.

Moltiplicazione

Il metodo più semplice per moltiplicare l’haworthia è per divisione dei germogli.

Più o meno nel mese di marzo, la pianta avrà sviluppato dei piccoli germogli laterali: estraeteli, lasciateli asciugare per qualche giorno e poi piantate singolarmente nei vasi.

L’ideale è utilizzare, all’inizio del terreno per cactaceae che favorisce lo sviluppo di nuove radici.

Malattie e parassiti

Se tenete questa pianta in casa, non dovreste incorrere in problemi.

All’aperto, però, può essere attaccata da alcuni parassiti, tra cui la cocciniglia.

Controllate sempre le foglie e se trovate un insettino bianco, potrebbe trattarsi proprio di questo parassita.

Per liberarvene potete ricorrere a prodotti specifici oppure provare a spruzzare sulla pianta un composto a base di acqua e sapone di Marsiglia.

Se la vostra haworthia, invece, appare scura o giallognola, forse sta soffrendo un ristagno d’acqua: non lasciate mai l’acqua nei sottovasi e tenete la pianta sempre asciutta.

Significato

L’haworthia non ha un significato specifico. Tuttavia, per la sua resistenza e lo straordinario verde delle sue foglie, viene spesso associata all’abbondanza e alla felicità.

Inoltre, spesso le viene attribuito anche il significato di buona salute.

Gianluca Grimaldi
Gianluca Grimaldi
Da sempre sono appassionato di fiori e piante, di giardinaggio e di tutto quello che è "verde". Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".