I metodi per dare la giusta Umidità alla Felce quando la tieni in Casa

Tra le piante maggiormente bisognose di umidità nell’ambiente nel quale si trova, la felce ha bisogno di specifiche attenzioni in merito a questo.

Non lasciare che sia priva di umidità o la sua chioma potrebbe mostrarsi sofferente e cominciare ad appassire o le tenere e piccole foglioline potrebbero cominciare  a cadere.

Puoi rimediare con pochi e semplici accorgimenti e fornire alla tua felce tutta l’umidità di cui ha bisogno. Vediamo insieme come fare.

Fai in modo che il terriccio resti umido

Il tasso di umidità che circonda l’intera chioma della tua felce aumenta quando l’acqua che si trova nel terriccio evapora, col passare dei giorni.

Fai in modo di mantenere il terriccio umido, senza lasciare che si asciughi del tutto e per troppi giorni.

Ti aspetto nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Attento a non esagerare con le irrigazioniAttieniti sempre al bisogno del terriccio per sapere quando innaffiarlo.

Sei sicuro che il terriccio non sia troppo drenante?

La fibra di cocco, la torba, e uno strato di muschio sulla superfice del terriccio aiutano a trattenere umidità.

Ci sono alcune miscele di terriccio che trattengono più umidità di altre. Anche se ricco di perlite o altre componenti drenanti, cruciali per evitare ristagni, ti servirà sapere che ci sono specifiche componenti che aiutano a trattenere l’umidità, come quelle citate precedentemente.

Se effettui una buona pacciamatura potrai inoltre garantire alla tua felce un terriccio in grado di trattenere l’umidità che serve, replicando le condizioni del suo habitat naturale.

Scegli i posti più umidi della casa

Potrai gestire l’umidità semplicemente spostando la tua pianta e collocandola nel posto giusto. Specifici ambienti in casa sono i posti ideali,  con i livelli di umidità di cui ha bisogno la pianta.  

Il bagno, ad esempio, è la stanza ideale: i vapori che si sviluppano durante la doccia rendono questa stanza la più umida della casa.

La cucina è un ulteriore stanza in cui la felce può stare egregiamente: è sempre piena di vapori caldi domestici.

Assicurati di tenere lontana la tua pianta da fonti di calore come termosifoni condizionatori: questi seccano l’aria drasticamente.

Utilizza un sottovaso con ciottoli e acqua

Un primo trucco da utilizzare è quello di servirsi di un contenitore con ciottoli e acqua per aumentare il tasso di umidità.

Riempi un sottovaso con un unico strato di ciottoli o pietre aggiungi acqua in modo che metà delle pietre sia immersa.

Appoggia il vaso sopra le pietre. Aggiungi acqua man mano che il livello scende e avrai una fonte di umidità semplice ma tanto utile alla felce.

Nebulizza la chioma

Un ulteriore trucco per aumentare il tasso di umidità lungo tutta la chioma è quello di nebulizzare il fogliame con uno spruzzino.

Spruzza acqua su tutto il fogliame almeno una volta al giorno: le goccioline tenderanno ad asciugarsi ed evaporare gradualmente innalzando il livello di umidità nello spazio immediatamente circostante alla tua pianta.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.