Ecco la Camelia dai fiori variegati: si chiama General Coletti ed è facile da curare

La camelia e la pianta a fioritura primaverile per eccellenza proprio grazie ai suoi splendidi fiori dai grossi boccioli che emanano un profumo intenso proprio a seguito della fioritura.

La camelia japonica nella sua varietà general coletti è pur sempre una pianta sempreverde con foglie lanceolate dal verde intenso in grado di resistere anche alle più basse temperature.

La sua particolarità risiede nel suo fantastico fiore variegato di colore rosso con spruzzi bianchi sui petali.

Questo genere di camelia può essere coltivata sia in vaso o in fioriere da balcone ma anche in giardino per dare lustro alle nostre aiuole.

Vediamo insieme di che tipo di cure ha bisogno la camelia General Coletti.

Sono sempre felice di aiutarti ad avere finalmente il "Pollice Verde". Se vuoi ricevere i miei consigli di giardinaggio direttamente sul tuo WhatsApp puoi aggiungermi e fare questa procedura. Oppure puoi entrare nel nostro Gruppo Facebook dove puoi spiegarmi il TUO dubbio su fiori e piante... e non dimenticare di mettere una foto della tua pianta così capisco subito il problema! Ti Aspetto!

Esposizione

Si tratta di una pianta rustica che sopporta anche le basse temperature, inferiori agli 0 °.

Predilige le zone ombreggiate o semi ombreggiate ed è per questo motivo che devi aver cura di posizionare la tua pianta in una zona magari esposta ad Est, dalla quale possa godere della luce brillante e diretta solo per poche ore al mattino.

In altri casi assicurati che sia esposta alla luce indiretta poiché il sole tardo primaverile ed estivo potrebbe bruciare le foglie e danneggiare le fioriture.

Terreno

La camelia Japonica è una pianta acidofila, dunque ama un terriccio particolarmente acido, un elemento essenziale per vederla fiorita all’inizio della primavera.

Preferisce un terriccio ben drenato caratterizzato da materiale organico o compost e materiale grossolano come perlite e sabbia adatti a rendere il terriccio particolarmente drenante.

Fioritura

Proprio sul finire dell’inverno la camelia general Coletti produce lungo gli steli legnosi boccioli grossi che daranno vita a grosse fioriture dal diametro anche di 15 cm, dall’intenso colore rosso con spruzzi di bianco, la variegatura tipica di questa varietà di camelia.

La fioritura si spalma per tutta la primavera fino ad estate inoltrata e, se protetti dai raggi diretti del sole, i fiori possono anche avere lunga durata.

Al fine di avere una fioritura abbondante è fondamentale rispettare le esigenze di luce che richiede questa varietà di camelia.

Innaffiature

Durante il periodo estivo la camelia General Coletti va innaffiata abbondantemente, anche due volte a settimana, assicurandoci che abbia un terriccio ben drenato così da non formare eventuali ristagni che possano causale marciume radicale.

Durante il periodo invernale le innaffiature vanno drasticamente ridotte e sarebbe bene controllare prima il terriccio con le dita e aspettare che sia secco tra un’innaffiatura e l’altra prima di dare altra acqua.

Risulta essenziale cercare di non dare alla camelia un’acqua particolarmente dura come ad esempio quella del rubinetto.

Potatura

La camelia General Coletti non necessita di particolare potatura se non a seguito delle fioriture per stimolare sui rami la crescita di nuovi boccioli.

Durante il periodo invernale sarebbe bene ripulire la chioma da eventuali rami secchi per mantenere una forma compatta e piacevole alla vista.

Parassiti e malattie

Due dei parassiti più comuni per la camelia sono le cocciniglie e gli afidi.

Questi si rintanano sotto le foglie e lungo gli steli risucchiando la linfa vitale dalle foglie e da ogni parte della pianta provocando l’ingiallimento fogliare e la caduta delle foglie.

Si tratta di seri danni alla pianta con compromissione anche per quanto riguarda le fioriture.

È possibile utilizzare rimedi fai da te nel caso della cocciniglia e pulire con del cotone imbevuto di alcol foglia per foglia così da dissolvere letteralmente la cocciniglia.

Potresti anche utilizzare l’olio di neem o l’olio bianco per combattere sia cocciniglie che afidi o utilizzare del sapone insetticida o spray fai da te.

Nel caso di infestazioni più gravi ricorri a insetticidi da banco specifici per ciascun parassita.

Giuseppe Iozzi
Nato a Napoli. Psicologo, col pollice verde. Ascolto i pazienti per professione, parlo alle piante per passione.