Come curare la monstera adansonii

La monstera adansonii è una specie di monstera che ha grandi foglie a forma di cuore che, con l’invecchiamento della pianta, sviluppano dei buchi molto singolari.

Originaria dell’America centrale e meridionale, la monstera adansonii è una pianta perenne tropicale tipicamente coltivata come pianta d’appartamento.

È molto facile da curare e adora arrampicarsi se inserisci un paletto nel vaso, un bastoncino di muschio o un traliccio a cui può aggrapparsi.

Scopriamo insieme come curare la monstera adansonii!

Attenzione: la monstera adansonii può essere tossica per gli animali, inclusi cani e gatti. Le sostanze tossiche (se ingerite) sono presenti in tutte le parti della pianta, comprese le foglie, i gambi e le radici.

Caratteristiche

La monstera adansonii, insieme a sua cugina la monstera deliciosa, cresce rapidamente e può diventare molto alta in meno di sei mesi.

Questa specie viene coltivata e curata come pianta d’appartamento e da interno, proprio perché le sue foglie sono molto ornamentali.

In che modo cresce?

La monstera adansonii ha radici aeree (le radici che crescono libere dal terreno) che crescono dal fusto.

Le radici si rinforzano contro qualsiasi supporto disponibile, dando alla pianta una crescita simile ad una vite poiché si arrampica se ha il supporto giusto.

In natura, userà le sue radici aeree per crescere verso l’alto su un albero ma quando la coltivi come pianta d’appartamento, puoi inserire un paletto di muschio al centro del vaso.

Se vengono mantenute le giuste (e semplici) condizioni, la pianta di monstera adansonii è una varietà molto facile da curare.

Luce giusta

A causa delle origini tropicali della pianta, la monstera adansonii cresce meglio in condizioni di luce intensa, indiretta o ombra parziale.

Sono abituate a crescere sotto l’ombra di grandi alberi nella giungla e possono facilmente bruciarsi se esposte a troppe ore di raggi solari diretti.

Se la luce solare diretta è inevitabile, limita la loro esposizione a sole due o tre ore di sole al mattino.

Temperatura e umidità

Come dicevamo, la monstera adansonii è una pianta tropicale, per questo cresce meglio con un’umidità molto alta e temperature elevate.

Più riesci ad imitare le condizioni naturali della pianta, meglio è. Scegli un posto umido della casa, come il bagno o la cucina e nebulizza spesso la pianta.

Inoltre, puoi anche posizionare un umidificatore nelle vicinanze per mantenere l’aria umida.

Il terreno giusto

Le piante di monstera adansonii crescono meglio nel terriccio a base di torba, che aiuterà a mantenere meglio l’umidità nel terreno.

Ma fai sempre attenzione che il terreno non si impregni d’acqua.

Coltivazione e cura

Vediamo insieme di che cure ha bisogno questa bellissima varietà di monstera, quando dobbiamo innaffiare o concimare.

Quando innaffiare

Le piante di monstera adansonii amano essere mantenute umide, ma non inzuppate.

Anche se può sembrare complicato raggiungere questo equilibrio, puoi facilmente capire se la tua pianta ha bisogno di acqua usando un semplice trucco.

Prima di annaffiare la tua pianta, infila un dito nel terreno ad una profondità di circa due centimetri: se il terreno sembra quasi asciutto al tatto, è ora di innaffiare la pianta.

Concime

Se hai da poco rinvasato la tua monstera con del terriccio fresco, aspetta qualche mese prima di concimare.

Questo poiché il terriccio comune in genere ha già del concime a lenta cessione mescolato al suo interno.

Dopodiché, concima una volta al mese la tua pianta di monstera, usando un fertilizzante liquido per piante verdi diluito come indica l’etichetta.

Potatura

La monstera adansonii è una pianta rampicante, quindi potrebbe essere necessario potarla se perdi il controllo della sua crescita o se inizia a diventare troppo grande per lo spazio che hai a disposizione.

Se hai bisogno di potare la tua pianta, fallo in primavera o in autunno rimuovendo la crescita superiore e le foglie morte o danneggiate.

Prima di potare utilizza sempre delle cesoie correttamente disinfettate per evitare di trasmettere malattie.

Parassiti e malattie comuni

Come molte piante d’appartamento, la monstera adansonii potrebbe combattere con una varietà di parassiti comuni, come cocciniglie, acari e mosche bianche.

Fortunatamente, questi parassiti sono raramente fatali per la pianta e possono essere trattati con un insetticida non tossico o olio di neem.

Inoltre, dovresti tenere d’occhio i segni di malattie comuni sulla tua pianta, come marciume radicale, ruggine, oidio e peronospora.

Adriana Capasso
Nata a Napoli e laureata in Lettere. Convinta che prendersi cura degli esseri viventi, imparando a conoscerli sia, alla fine, prendersi cura di se stessi. Parlo delle piante, ovviamente.